Sono Maurizio Bragagni

Sono cresciuto in Toscana.

Anche se ho vissuto all’estero circa 15 anni della mia vita, l’Italia rimane il mio paese.

La Toscana è dove mio nonno, piccolo allevatore, ha continuato a sognare una vita migliore per i figli.

Nella stessa terra oggi, la mia famiglia continua ad avere un'azienda che da lavoro e benessere al nostro paese.

Come molti italiani all'estero, ho scoperto che per mettere a frutto i miei talenti dovevo lasciare il nostro paese.

È stato difficile lasciare la mia famiglia e i miei amici.

Ho lavorato sodo e ho afferrato le possibilità offertemi dall’estero.

Oggi sono l'amministratore delegato di una società britannica.

Non ce l’avrei mai fatta senza l'aiuto di mia moglie, dei miei amici e delle mie figlie.

Adesso il Regno Unito è la mia nuova casa.

Ma io rimango italiano.

Sono sempre il solito ragazzo toscano che continua a sognare.

Avendo ricevuto tanto nella vita, ho cercato di restituire indietro quello che ho potuto.

Per questo dopo il voto sul Brexit, ho creato opportunità di dialogo per gli italiani all’estero che vivono nel Regno Unito in particolare, come il giornale Il Club e altre attività di questo genere.

Ho dato vita anche a una società che si chiama eSharelife, una fondazione per finanziare progetti di sostegno a distanza nel mondo per i più svantaggiati.

Voglio mettere a disposizione degli italiani all’estero la mia esperienza di uomo, di emigrante e di imprenditore.

Quando sono arrivato in Inghilterra, da solo, in un paese straniero con una lingua che non parlavo, mi sono chiesto perché non potessimo avere le stesse opportunità anche in Italia.

Perché dovessimo andare all'estero per mettere a frutto i nostri talenti.

Come te, ho dovuto lasciare il mio paese per crescere.

Sarò un portavoce forte per assicurare che gli italiani all’estero non siano più dimenticati.

Combatterò senza sosta per creare le stesse opportunità anche in Italia.

È tempo per una nuova generazione di leader di prendere le redini, per riportare speranza agli italiani ovunque essi siano.

Usando le nostre esperienze all'estero per migliorare la vita delle nostre famiglie a casa, e assicurare che la nostra voce sia ascoltata e il nostro contributo riconosciuto ovunque.

Sono orgoglioso di essere italiano.

Orgoglioso di essere un italiano all'estero.

E saró orgoglioso di essere il vostro senatore.

Maurizio Bragagni al Senato - Valore ai Talenti Italiani